Modelli Ray Ban Da Sole

Si può azzardare ad ammettere che forse è troppo sdolcinata e sentimentale, ma non intenzionale, anzi l’esperienza porta anche a questo. Il testo, come già detto, non lascia spazio a diverse interpretazioni, è una lettera d’amore rivolta ai figli, anche se c’è da aggiungere un “ma” La canzone infatti presenta anche una vena autobiografica, come se Bono si affacciasse ad una propria introspezione che si riflette in lui e che viene fuori per mezzo dei suoi figli : “Troppo giovane per poter essere parole della tua canzone So che la rabbia in te è forte Scrivi un mondo al quale possiamo appartenere l’un l’altro e cantalo come nessun altro”. Siamo di fronte ad un’osservazione imperativa di un padre nei confronti dei figli, nella raccomandazione di non perdere mai di vista l’amore, l’unica cosa certa che può dare rifugio e salvezza durante il cammino della loro vita.

About this Item: Atlantic Publishers Distributors (P) Ltd, 1991. Hardcover. Condition: New. Tolti definitivamente gli abiti di House, Hugh Laurie si cala in quelli dell medio alto borghese che si innamora della figlia ventenne dei suoi migliori amici, ma non riesce ad essere incisivo, lui ormai irrimediabilmente legato a quel personaggio mitico, che gli ha dato la fama internazionale ma che si rivelato anche fin troppo ingombrante. Film molto televisivo e poco cinematografico, ben lontano dall un cinepanettone e dalla volgarit mette in evidenza tanta solitudine, tristezza e voglia di evadere da un matrimonio e da una situazione famigliare decisamente statica. Due famiglie, vicine di casa, che si conoscono da sempre, e che non possono vivere l senza l da un momento all si dividono.

Ma c’è una persona che ha un debole per lui, Melanie appunto, sposata con un ricco locale (Willis), cialtrone, disonesto e donnaiolo. Donald si è separato e ha un figlio che non vede mai, ha anche due nipotini, pressoché sconosciuti, uno dei quali si affeziona al nonno. Ecco che Donald scopre cose che non conosceva, non ha fatto il genitore, gli piace fare il nonno.

“Mi sono permesso di curiosare sui concorrenti di Ora o mai più e con Massimo Di Cataldo sono tornato indietro al 1996. Tu eri legato molto al tuo papà e la canzone che canti questa sera non è stata scelta a caso.” Le parole sono quelle di Amadeus che manda in onda, prima della seconda esobizione di Massimo Di Cataldo, un video che ha come protagonista il suo papà purtroppo scomparso che, come lui, aveva la passione per il canto. Il video vede il papà cantare sulle note de “Il mondo” ed è proprio questa la canzone che Massimo canta questa sera.